Fotorivoltelle, bici-fotografiche e …tanto di cappello!

Curiosando in polverose soffitte e vecchi bauli ecco saltare fuori cappelli a cilindro e rivoltelle fotografiche! Chi almeno una volta non ha invidiato al celebre agente segreto James Bond uno dei suoi strepitosi marchingegni? Ma può anche capitare, sfogliando antiche enciclopedie dalle pagine ingiallite o frugando in polverose soffitte, di imbattersi in altrettante curiose antichità, tracce... Continue Reading →

Lisette Model: the unknown daily life

" I have often been asked what I wanted to prove with my photographs. The answer is, I don’t want to prove anything. They prove to me, and I am the one who gets the lesson." Lisette Model     The unknown scares. It is something unexpected and unwanted that makes you uncomfortable and makes... Continue Reading →

Alexey Titarenko: the suspension of time.

In the foggy streets of St. Petersburg, Titarenko wanders around to capture the residual atmospheres of the night’s time. The early morning snow still virgin, the light that opens the eyes on the facades of old and dusty buildings, a figure made more of condensation than of flesh and veins, this is the face described... Continue Reading →

Francesca Woodman:  On being an angel

“Ho dei parametri e la mia vita a questo punto è paragonabile ai sedimenti di una vecchia tazza da caffè e vorrei piuttosto morire giovane, preservando ciò che è stato fatto, anziché cancellare confusamente tutte queste cose delicate”. Queste furono fra le ultime parole lasciate scritte da Francesca Woodman prima di abbandonare volontariamente la vita... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑